Argentina Settentrionale

LA PREMESSA:

La premessa è affascinante: ammettiamo che un “Turista Fai da te” voglia recarsi nei luoghi in cui è stato girato il film “Mission” di cui tutti ricordiamo le stupende musiche del nostro grande Ennio Morricone.

Garganta del Diablo

Questi luoghi fatati e pregni di storia (dalle missioni gesuite, ai bunkers costruiti dai nazisti in fuga dal Terzo Reich in collasso…) si trovano nella provincia argentina di Misiones; una lingua di terra tropicale infestata dalle zanzare e dalla “Febbre Dengue” stretta fra il Paraguay e lo stato brasiliano di Paranà.

Misiones

E’ una terra di confine e di strani traffici (qui si trova anche CIudad de l’Este); ma è anche una terra dalla natura paradisiaca e ancora selvaggia, dove i tucani fanno il nido sugli alberi del cortile del tuo Hotel e in lontananza si ode il rombo delle 290 cascate dell’Iguazù… probabilmente le più belle al mondo…

Tucano Tuco

La sua bellezza la ha fatta definire la “Nona meraviglia del mondo”.

Insomma, un paradiso selvaggio e remoto che non è così facile da raggiungere.

Il primo test che abbiamo fatto è stato contattare due agenzie di Buenos AIres consigliate sui siti americani di turismo (Say Hueque e My Buenos Aires Travel Guide) facendoci quotare da entrambe un pacchetto di “day trip” dalla capitale argentina alle cascate; era un esperimento per stabilire un limite massimo di spesa da prefiggerci.

Le due quotazioni sono state USD 761 e USD 630 a persona; senza nessun hotel incluso (tutto in giornata) ma con guida locale e tutti i trasporti in loco inclusi. Voli Aerolinas Argentinas.

I prezzi sono senza dubbio “inflated”, ma questo vi da’ un idea precisa di quanto siano remoti quei luoghi e quanto sia costoso raggiungerli.

Quindi l’obiettivo era spendere meno di 630 USD, trasformando il tour in uno di due gg ed includendoci anche una notte in albergo. Secondo noi il minimo indispensabile per vedere qualcosa.

Ecco con cosa siamo alla fine partiti:

Euro 363,32 per volo Aerolineas Argentinas + Gran Hotel Tourbillon Cataratas (1 notte). Pacchetto acquistato su Expedia.it. L’Hotel è stato scelto per la sua vicinanza all’entrata del parco delle Cascate e a Guira Oga.

A questo dobbiamo aggiungere:

260AR$/17€ (x2); taxi da/per Aeroporto Iguassù

Taxi per Cataratas National Park 150AR$/10€ (x1)

Bus da catartas iguazu: 30AR$/2€ (x1)

Pasti a base di sandwich argentino e un drink: 130AR$/9€ (x3)

Ingresso al Cataratas National Park: 260AR$/17€

Ingresso al parco di Guira Oga: 35AR$/2.5€

E i 65USD chiesti da una agenzia di Buenos Aires (Gray Line Argentina) per dei servizi di guida in loco mai erogati (ma regolarmente pagati).

Il totale è stato sotto i 550€ con un tour di 2gg invece che 1.

Certo, eravamo (anzi, ero) soli ed in mezzo ad una terra aliena… fosse stata la prima volta che mi succedeva… 🙂

Quella che segue è la narrazione di un viaggio “fai da te” ai confini del mondo civilizzato, un qualcosa che suggerisco caldamente di leggere ma non di attuare, a meno che non siate viaggiatori molto (ma molto) navigati.

Anche perchè, tutto quello che poteva andare storto è andato storto: dai “disguidi” con LAN che  hanno fatto ritardare la partenza di un mese e mezzo, al “no show” della guida a Iguazu’, al blocco del JFK per neve…

Figuratevi che ho persino rischiato di essere sul Miami-Malpensa dirottato a Terranova!

Si impone veramente un viaggio a Lourdes! 😀

Quello che meraviglia, semmai, è che sia riuscito a rispettare il “crono-programma” che mi ero prefissato…

Ma andiamo con ordine: stabilito che la base di partenza non poteva essere che Buenos Aires, bisognava arrivarci.

La tariffa più conveniente la offriva American Airlines via New York, 584.11€ a/r per le date richieste.

Certo obbligava ad una lunga sosta a New York, una decina di ore al ritorno, e a passare il tedioso processo di: Immigration+ ritiro dei bagagli+ re-check-in+TSA; ma mi sono detto “devo giusto andare a fare compere a manhattan”, sfrutterò il “transito lungo”… 🙂

E poi, nel mio masochismo, volevo verificare se il transito negli States fosse davvero così tremendo come si vociferava… sono sempre stato un sostenitore della “prova empirica”… 🙂

Il viaggio lo vivrete in forma di “video-diario” con commento… 🙂

Come Hotel a Buenos Aires è stato scelto il il mio solito Ibis nella centralissima Hipolito Yrigoyen 1592, proprio di fronte al Congreso del la Nacion e a 1km da Plaza de Mayo.

Costo 65€ a notte (x4).

Fatevi tutti i conti…

Adesso si Parte! 🙂

LA DESTINAZIONE:

L’Argentina, come tutta l’America Latina, è un mondo a se stante, un coacervo di bellezze inimmaginabili e di brutture altrettanto inimmaginabili; l’italiano medio è affascinato dalla sua latinità, dalla mancanza di regole; ma in realtà dubito che comprenda di che strana (e pericolosa) bestia si tratti…

Questo carattere contradditorio è più che mai palese in Argentina dove il 60% della popolazione è di origine italiana, ma esistono anche grandi comunità di origine tedesca e spagnola…

Nei suoi quasi tre milioni di kmq si passa dai desolati deserti ghiacciati della terra del fuoco alle giungle tropicali dell’Iguazù… più o meno a 2/3 di questa terra affusolata si trova la grande metropoli di Buenos Aires con i suoi 3 milioni di abitanti e  il suo aspetto europeo…

Il nostro itinerario partirà da Buenos Aires per poi spingersi nell’estremo nord tropicale del Paese, spingendosi in luoghi bellissimi ma selvaggi!

Buona visione e Buon Divertimento!

Mappa del Viaggio

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *